Visualizzazione post con etichetta News del mondo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta News del mondo. Mostra tutti i post

mercoledì 24 maggio 2017

Inghilterra: Educare ai valori Lgbt fin dai 2 anni

Non è uno scherzo, perché in effetti è già dagli anni Cinquanta che gli attivisti Lgbt lo avevano capito: per riuscire a sovvertire l’ordine naturale della società bisogna incominciare a diseducare gli uomini fin dalla più tenera età, oscurando la prima fra le evidenze, la differenza uomo/donna. E’ così che, instancabilmente, colpo dopo colpo, con pazienza certosina anche quando al mondo apparivano ancora folli, i figli della “rivoluzione sessuale” sono arrivati ad ottenere risultati sconvolgenti come questi.

RIEDUCAZIONE DI STATO

Settimana scorsa l’Associazione nazionale degli insegnanti inglesi ha formulato ufficialmente la sua richiesta al governo di parlare di sessualità ai bambini di due anni, per spiegare loro che le relazioni omoerotiche sono normali.

Parlamento olandese: punire le scuole che non “educano” all’omosessualità

L’11 aprile, informa "Osservatorio gender",  la Camera Bassa del Parlamento Olandese ha appoggiato a larga maggioranza una mozione proposta dal parlamentare socialista Jasper van Dijk che prevede l’imposizione di severe sanzioni nei confronti delle scuole che non introdurranno al loro interno programmi “educativi” sull’omosessualità.


SANZIONI ED INTERVENTI DISCIPLINARI 

La proposta di Van Dijk stabilisce infatti un programma di sanzioni economiche ed interventi disciplinari da applicare agli istituti scolastici che non ottempereranno al “diktat” di Stato, rifiutandosi di “istruire” i propri bambini al nuovo paradigma etico della fluidità e indifferenza sessuale.

sabato 21 maggio 2016

Mamma, papà e figli: la vera integrazione europea

La Croce quotidiano 4 maggio 2016
Al via la petizione popolare “Mum, Dad and Kids”, per il riconoscimento giuridico della famiglia naturale nei trattati dell’Unione europea. In prima fila le associazioni pro-family dell’Italia (col Comitato “Difendiamo i nostri figli”) e della Romania (rappresentata dalla “Coalizione per la famiglia”)
Giuseppe Brienza
È partita un’iniziativa di cittadini europei per proteggere il matrimonio e la famiglia nell’UE. Lo scopo è quello di proporre un regolamento comunitario che definisca il significato del matrimonio come un’unione tra un uomo e una donna fondata sul matrimonio o la discendenza e la filiazione. La petizione “Mamma, papà e figli” (“Mum, Dad and Kids”), è stata lanciata il 4 aprile 2016 dai movimenti pro-family di sette Paesi membri dell’Unione europea, fra cui l’Italia, con il Comitato “Difendiamo i Nostri Figli” diretto dal prof. Massimo Gandolfini, e la Romania con la “Coalizione per la Famiglia” (“Coaliția pentru Familie”).

mercoledì 11 novembre 2015

Gender a scuola – Le favole possono nuocere alla salute

A proposito di fiabe gender a scuola, si è tenuta il 6 novembre, in un affollata chiesa di San Pio X, a Massa, organizzata dal Comitato Difendiamo i Nostri Figli, la conferenza dal titolo: “Le favole possono nuocere alla salute: istruzioni per l’uso”.

L’organizzazione di questa conferenza, è avvenuta dopo i noti fatti accaduti a Massa che hanno visto coinvolta una bimba di scuola elementare, alla quale senza alcun consenso preventivo sono state lette delle favole interpretabili alla luce della teoria gender.

L’apertura della conferenza è stata affidata all’avvocato Sonia Mannella presidente locale del comitato ”Difendiamo i nostri figli” che ha evidenziato l’importanza di spiegare ai genitori cosa stia succedendo nelle scuole del nostro territorio.

La relatrice, dottoressa Paola Biondi, ha condotto la conferenza, prendendo in esame vari aspetti del variegato e ben nascosto mondo gender, in particolar modo partendo dal presupposto che uomo e donna sono due identità ben definite, che hanno delle specifiche particolarità.

giovedì 29 ottobre 2015

Denise Shick: «Io, cresciuta con un padre transessuale, vi chiedo di non approvare le nozze gay»

Denise Shick (foto a fianco) è cresciuta negli Stati Uniti con un padre “transgender” e il 24 marzo ha raccontato alla Corte Suprema americana «l’ossessione di mio padre transessuale» e la «sua infelicità anche quando ha ottenuto ciò che pensava di desiderare». Shick è stata chiamata a raccontare la sua storia ai giudici federali e si è opposta alla legalizzazione dei matrimoni tra persone omosessuali.
«MIO PADRE NON ERA FELICE». Shick ha ricordato quando all’età di 9 anni si sentì dire da suo padre che voleva diventare una donna e di quanto «i desideri sessuali di mio padre e i suoi comportamenti fossero più che disorientanti». L’uomo, che cominciò a vestirsi e comportarsi da femmina, sua figlia lo ricorda come «un miserabile che voleva che tutti intorno a lui condividessero la sua miseria. Non ricordo un giorno in cui mi sembrò felice o che sorridesse. Risa e gioia semplicemente non facevano parte della sua vita». Come tante persone transessuali, suo padre aveva molti problemi, tra cui l’alcolismo, per cui quando era ubriaco «veniva con la sua cintura nera e spessa» e «dopo le frustrate non sapevo bene che cosa mi facesse più male, se i lividi sulla mia schiena o vederlo e sentire le sue risate maniacali dopo che aveva picchiato i suoi figli». Fu solo più tardi che «gli abusi diventarono psicologici», quando «mio padre mi disse che voleva diventare una donna». Ai giudici Shick ha ricordato la sensazione «di rigetto e di abbandono» e il desiderio «naturale» di un padre e di «un rapporto tra un vero padre e una vera madre». Ma lui sembrava non comprendere questi desideri. Ma ci fu anche un’altra cosa «che mi confuse ancora di più». Il padre le disse che ogni volta che lo avesse visto con le gambe accavallate, «saprai che in quel momento mi sto sentendo una donna». Pensiero che riaffiorava alla mente di Shick tutte le volte che vedeva un uomo in quella posizione, perché «parole come quelle non abbandonano la memoria di un bambino e hanno un impatto sulla sua vita».

sabato 19 settembre 2015

Doppia morale: accogliamo i profughi siriani ma distruggiamo il loro paese

Francia e Gran Bretagna si preparano ad intervenire in Siria: una semplice analisi ragionata.
di Ricci Patrizio
I leader europei da 4 anni, dall’inizio della crisi progettata in Siria, mantengono le stesse posizioni benché la situazione sia mutata. L’esodo in atto delle migliaia di profughi sono la misura dell’opera di destabilizzazione delle politiche europea messe in atto.
Le dichiarazioni rese in questi giorni dai maggiori leader europei non fanno ben sperare: il cancelliere britannico George Osborne ha affermato che (per avere) «un piano per una Siria più stabile e in pace» deve prevedere la lotta contro la «radice del problema: il malvagio regime di Bashar al-Assad e i terroristi dell’Isis».
Gli fa eco il primo ministro inglese Cameron ha la stessa ‘linea’: ‘bisogna combattere contro ISIS e contro la Siria.
Non dissimile è la posizione di Hollande che ha detto: la soluzione non può passare dal mantenimento di Bashar al-Assad al potere in Siria. Ha sparato sul suo popolo, ha usato armi chimiche, è lui che ha rifiutato ogni discussione“.

martedì 15 settembre 2015

Invasione islamica in Europa

PCB: La risposta all’appello di pseudopapa Francesco

8 settembre 2015
Quale obbiettivo sta dietro l’appello di pseudopapa nei confronti dell’accoglienza dei profughi? Si tratta qui dell’islamizzazione dell’Europa! Prima in modo manipolativo ha creato l’opinione che nella questione dei profughi si tratta dell’aiuto alle famiglie cristiane in situazione difficile. Ma quando la realtà ha dimostrato che non si tratta dei cristiani, i clericali hanno subito inventato la spiegazione che ai cristiani dev’essere uguale a chi aiutare. Secondo il cardinale Duca i cristiani dovrebbero essere come samaritano misericordioso e a chiunque aiutare. Hanno intenzionalmente nascosto che il frutto sarà l’autodistruzione propria e dei più vicini.
Un autentico e patriottico atteggiamento nei confronti di artificialmente provocata onda di profughi ha il Presidente di Repubblica Ceca: “Nemmeno un immigrante, altrimenti si scatena lavanga!”. Cercare di discernere a chi aiutare o no, come lo affermano suggestivamente i clericali, è una trappola e sconfitta. Teoricamente si può discernere tra una famiglia profuga e l’omicida di un gruppo terorista islamico, ma in pratica qualsiasi discernimento è utopia. Gli immigrati sono senza passaporto e si è creata una pressione incontrollabile. Le statistiche mostrano che 90% dei profughi sono giovani musulmani. Insieme a loro arrivano terroristi mascherati come lo testimonia la polizia. Islam nella sua radice ha il principio di una liquidazione sanguinosa degli infedeli (jihad). Lo testimonia anche la storia millenaria.
Con la distruzione dei territori musulmani dagli americani (Libia, Siria, Iraq) è stata coscientemente provocata una forte ondata di immigrazione. Essa è diventata uno mezzo degli USA con cui sradicare il cristianesimo e la civiltà in Europa.

mercoledì 30 aprile 2014

Porte Aperte: Persecuzione dei cristiani aumenta


Dal 1997, la ONG Porte Aperte pubblica ogni anno una lista mondiale della persecuzione dei cristiani nel mondo per attirare l'attenzione sui 50 Paesi in cui i cristiani sono più perseguitati. “Persecuzione” significa aggressioni ma anche pressioni, divieti o discriminazioni.

Quest'anno, tre nuovi Paesi sono entrati in questa triste classifica: Bangladesh, Sri Lanka e Repubblica Centroafricana.

Nella sua nuova lista, Porte Aperte mette in evidenza un'argomentazione generale della persecuzione dei cristiani nel mondo e responsabilizza l'islam in 36 dei 50 Paesi indicati.

Secondo il direttore dell'ONG, Michel Varton, “le regioni colpite in modo più violento sono oggi i Paesi del Sahel, dove un quinto dei cristiani convive con un settimo dei musulmani del mondo”.

martedì 29 ottobre 2013

Stop all'Unione Europea

Manifestazione contro Unione Europea davanti administrazione del Presidente dell'Ucraina. Kiev 14 ottobre 2013

mercoledì 13 marzo 2013

L’appello ai cardinali in conclave

Onorevoli cardinali!
Forse oggi o nelle prossime ore eleggerete nuovo papa. I mass media già prima delle elezioni imponevano a voi e a semplice popolo l’immagine affinchè venga scelto un tale papa che non ha niente in comune con Cristo, con lo Spirito di verità e del pentimento e neanche con la fede salvifica. Il Corpo Mistico di Cristo già quasi sanguina a morte a causa delle vostre eresie. Rimane liquidare gli ultimi resti di sinceri sacerdoti, consacrati e fedeli, eliminare gli ultimi principi sani ed introdurre tali principi che compiranno la liquidazione totale.

sabato 29 settembre 2012

Il Vaticano è responsabile del genocidio dei popoli

Leopoli, il 30 Agosto 2012

Alla Segretaria di Stato

della Città del Vaticano


La vera Chiesa di Cristo dev’essere luce, sale e colonna di verità. Il suo compito è quello di difendere la fede e valori morali che conducono alla vita armoniosa sulla terra e alla vita eterna dopo la morte. Il Vaticano apostatico non è colonna di verità perché ha accettato lo spirito di eresia della teologia storico-critica che nega l’essenza del Vangelo. Il documento Nostra Aetate e il gesto di Giovanni Paolo II ad Assisi riguardo al rispetto dei demoni pagani negano il primo comandamento del Decalogo. Il Vaticano copriva la pedofilia dei sacerdoti a partire dall’America attraverso l’Irlanda fino all’Australia.
Il Vaticano ha accettato lo spirito dell’anticristo. Il culmine di questo è stato il gesto di Benedetto XVI con cui egli il 1 maggio 2011 ha beatificato Giovanni Paolo II.

mercoledì 29 agosto 2012

Patriarca Elia: Appello attuale ai sacerdoti cattolici

Cari sacerdoti della Chiesa cattolica!

In questo momento storico  si rivolge a ciascuno di voi personalmente il Patriarcato Cattolico Bizantino. Vogliamo aiutarvi a fare una vera diagnosi e prognosi della situazione attuale e mostrare la soluzione di Dio per ciascuno di voi. Crediamo che la maggior parte di voi desidera sinceramente servire Dio e salvare la propria anima e le anime a voi affidate.

Cinquant’anni fa ha avuto inizio il Concilio Vaticano II con lo slogan “aggiornamento”. Durante il Concilio e nel periodo posteriore l’accento è stato posto sulla riforma liturgica e spazio liturgico. Ultima e apparentemente insignificante dichiarazione finale del Concilio sotto il titolo “Nostra aetate” conteneva la formulazione circa il rispetto delle religioni pagane e cosiddetti raggi di verità in queste religioni. Questo punto, apparentemente banale, divenne ben presto il centro del pensiero postconciliare che ha formato l’opinione pubblica secondo quale il sacrificio redentore di Cristo sulla croce e la venerazione dei demoni pagani sarebbero vie equivalenti della salvezza.

domenica 13 maggio 2012

«Il matrimonio gay mette in pericolo la salute mentale della società»

Lo psichiatra Italo Carta commenta la sentenza della Corte di Cassazione: «Certi diritti vanno dati agli omosessuali. Ma l’ideologia presente nella sentenza elimina il principio di evidenza. Il rischio è che la volontà del più forte si imponga su quella del più debole e innocente. Negare la differenza tra sessi diventa così un crimine»
La corte di Cassazione ha stabilito che le coppie omosessuali devono avere «diritto a un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata».

venerdì 11 maggio 2012

Scoperto traffico di pillole “energetiche” cinesi con carne di feti umani

Dallo scorso agosto fino ad oggi la Cina ha smerciato almeno 17.451 pillole che contengono carne disidratata di feti o di bambini. Una partita di queste pillole, che vengono ritenute curative di ogni male, è stata fermata dai doganieri sudcoreani pochi giorni fa. Le pillole, come rivela AsiaNews, «provengono dal nord della Cina e sono composte di carne di bambini morti o di feti che sono stati tagliati a pezzi, seccati in speciali forni e poi ridotti in polvere e mescolati con erbe per nascondere il loro contenuto. Il San Francisco Times afferma che un test compiuto sulla polvere delle pillole ha stabilito che esse sono composte al 99,7 % di carne umana. Il test ha potuto risalire anche al Dna e al sesso dei bambini da cui proviene la sostanza organica».

lunedì 7 maggio 2012

La civile Svizzera prova a sedurre l’Italia col “turismo della morte”

di Marina Marinetti da Il Sussidiario.net
No, il suicidio assistito non si tocca. Si, si potrà continuare ad andare a morire in Svizzera. Qual è la novità? Nessuna. Eppure, dopo che il referendum nel cantone di Zurigo domenica ha bocciato sia  la proposta dell’Unione democratica federale, che chiedeva di rendere punibile qualsiasi forma di istigazione al suicidio, sia quella del Partito Evangelico, che proponeva di limitare l’assistenza al suicidio a chi risiede nel cantone da almeno dieci anni, nel Belpaese non s’è persa l’occasione per dar fiato alle trombe e invocare a gran voce la necessità di approvare la legge sul testamento biologico. Senza accorgersi, o magari facendo finta di non accorgersene, che il suicidio assistito non c’entra nulla con l’opportunità, o meno, di disegnare i propri personalissimi confini oltre ai quali le cure diventano accanimento terapeutico.

domenica 12 febbraio 2012

Ucraina, Leopoli: Manifestazione per la tutella della famiglia e dei bambini

Manifestazione per la tutella della famiglia e dei bambini davanti la politica di gender e della giustizia minorile Hanno partecipato: Rapresentanti delle Associazioni sociali, Chiesa Ortodossa Greco-cattolica Ucraina, genitori, giovani... www.pokrov.lviv.uа